Arriva il momento dell’asilo: quando iniziare l’inserimento?

07 Agosto 2014

inserimento all'asilo

Prima o poi, legato indubbiamente anche a questioni lavorative, arriva il momento in cui ci chiediamo “quando è giusto iscrivere il bambino all’asilo”?

Molti pediatri consigliano dal 12° mese in poi, ovvero quando il bimbo è pronto ad accettare la presenza dei compagni ma soprattutto quando il distacco con la mamma non è più vissuto in modo drammatico.

Ad ogni modo, e a qualsiasi età, l’asilo è una vera prova di nervi, anzi come riportano alcuni blogger “un vero debutto in società”, con i suoi drammi e le sue crisi per debuttanti e mamme!

L’inserimento all’asilo: 5 consigli per vivirlo sereni

Il nostro primo consiglio è quello di tranquillizzarvi, prima ancora di consolare il vostro bambino, caso mai ripetendo (ad alta voce e con respiri profondi) che è un passaggio normale. Ricordate che il vostro piccolo avverte tutti i vostri stati d’animo!

1. Andate a parlare con le educatrici, visitate per bene ogni stanza della struttura, andate più di una volta. Sono loro le persone che si occuperanno del vostro bambino, dovete creare con loro un rapporto di fiducia.

2. Non rendete il momento del distacco anche un momento drammatico. Abituate il bambino un po’ alla volta alla novità. Provate, qualche settimana prima, a lasciarlo da solo a casa dei nonni, degli zii o con degli amici senza di voi, solo per poche ore.

3. Iniziate a stabilire gli orari dei pasti e del riposino: chiedete informazioni alle educatrici sugli orari da rispettare e fissate gli orari della pappa e delle merende. Stessa cosa per il riposino: dovrà abituarsi a dormire da solo, appunto come al nido.

4. Il primo giorno: provate a lasciare il bambino all’asilo in modo graduale, per due ore i primi giorni poi pian piano aumentate le ore.

5. Lasciate che porti con sé un pupazzo o un oggetto per lui familiare.

Ultimo consiglio: considerando la grossa novità, evitate di fare altri cambiamenti nella sua vita, come togliere il pannolino o il ciuccio!

Potrebbe interessarti anche: Pro e contro l’asilo nido