Linguaggio del bambino: come sviluppare il suo vocabolario?

12 Febbraio 2015

linguaggio-del-bambino

Sebbene tutti i genitori del mondo pensino che le prime parole pronunciate dal bambino siano “mamma o papà”. La verità è che queste due sillabe non rappresentano che i primi tentativi del piccolo di parlare.

Ma-ma, così come pa-pa o na-na non rappresentano parole. Sono suoni fondamentali per aprire la porta al linguaggio del bambino che si sviluppa più tardi generalmente tra i 13 e i 18 mesi.

Esiste un modo per ampliare il vocabolario del nostro piccolo?

Ecco i nostri consigli per sviluppare il linguaggio del bambino:

  • Parlare molto

Si può cambiare il pannolino di un bambino stando zitti o gli si può spiegare il mondo che lo circonda mentre è sul fasciatoio. Naturalmente i più piccoli non comprenderanno il senso delle parole ma gli servirà per associare i primi suoni ad oggetti ed azioni.

  • Ripetere come un pappagallo

“la-la-la, ga-ga-ga”, non appena il piccolo produce dei suoni che posso sembrare buffi, significa che si sta trasformando in un vero e proprio interlocutore. Ripetere dopo di lui i suoni che emette, non solo lo divertirà ma lo incoraggerà a emulare nuove parole e suoni proposti da voi.

  • Ascoltare attentamente

Vale per i grandi e per i piccini, parlare ha senso solo quando si ha la sensazione che qualcuno ci stia ascoltando. Non ha importanza se il vostro bambino si esercita con la sua nuova parola o se ripete la trama del suo ultimo cartone. Ascoltatelo con attenzione, dedicandogli tempo e guardandolo mentre si esprime. Se questo a volte non può accadere, meglio evitare di annuire distrattamente e spiegargli il perché del vostro momentaneo disinteresse.

  • Leggere

I libri sono importantissimi soprattutto per i più piccoli. Colori, immagini elementari e storie sono uno stimolo intellettivo enorme per il nostro bambino.

  • Cantare

La lingua è informazione, ma anche melodia e ritmo. Sarà molto più semplice per il vostro piccolo imparare nuove parole grazie a una canzoncina o una filastrocca cantata assieme e ripetuta più volte!

  • Correggere ma non troppo

“Mamma, dammi un biccotto”. È perfettamente chiaro quello che il piccolo vuole in quel momento. Invece di correggerlo direttamente, puoi ripetere la frase ancora una volta ma nel modo giusto: “Sì, adesso la mamma ti prende un biscotto”

Approfondisci questa tematica scoprendo come stimolare lo sviluppo cognitivo nei bambini di 2-3 anni